Cetrioli di mare, celebrazioni e tirocini per studenti Understand article

Tradotto da: Claudia Savini. Science in School è pubblicato da EIROforum, una collaborazione tra otto delle più grandi organizzazioni di ricerca scientifica inter-governative (EIROs). Questo articolo esamina alcune delle ultime notizie da EIROs.

CERN: programma di stage per studenti delle scuole superiori

Quest’anno, il CERN sta espandendo il suo programma educativo dando una nuova opportunità di stage per studenti delle scuole superiori. All’inizio, il programma di prova sarà aperto a studenti provenienti da cinque Stati membri: Bulgaria, Francia, Ungheria, Norvegia e Portogallo. Per ciascun programma, 24 studenti di età compresa tra 16-19 andranno al CERN per due settimane per fare esperienza pratica nel campo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione.

Il programma è un’opportunità unica per i giovani per sperimentare il CERN e rafforzare l’apprendimento della scienza in un ambiente ad alta tecnologia. Gli studenti visiteranno diversi siti sperimentali del CERN e lavoreranno al fianco di membri del personale del CERN. Alla fine del programma, gli studenti avranno l’opportunità di esporre il loro lavoro.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web del CERN.

Con sede a Ginevra, in Svizzera, il CERN è il più grande laboratorio di fisica delle particelle del mondo.

Allievi della scuola superiore eseguono esperimenti di fisica nel laboratorio S’cool LAB al CERN.
Immagine gentilmente concessa dal CERN

EMBL: uno studio offre l’approccio al trattamento del dolore

Per molti pazienti con dolore cronico, ogni tocco leggero – anche solo i vestiti che toccano la loro pelle – può essere agonia. Ora, gli scienziati del Laboratorio Europeo di Biologia Molecolare (EMBL) e il Werner Reichardt Centre for Integrative Neuroscience dell’Università di Tubinga, in Germania, hanno trovato un possibile approccio per la produzione di antidolorifici che trattano proprio questo tipo di dolore.

Gli scienziati hanno scoperto una molecola che, influenzando quanto una cellula nervosa sia rigida o flessibile, ha effetto sulla sensibilità di un topo al tatto e al dolore. Il sistema nervoso e il tatto sono simili nei topi e nell’uomo, quindi i risultati sono con ogni probabilità validi anche sulle persone. Sebbene problemi di rigidità cellulare siano difficilmente alla base di ipersensibilità al tatto nella maggior parte dei pazienti, il controllo della rigidità delle loro cellule nervose, tuttavia, potrebbe essere un modo efficace di trattare tale sensibilità.

Per ulteriori informazioni, leggere l’articolo completo.

EMBL è il laboratorio leader in Europa per la ricerca di base nel campo della biologia molecolare, con sede ad Heidelberg, in Germania.

Le terminazioni nervose della cornea, che è molto sensibile al tatto, hanno microtubuli modificati mediante Atat1 (giallo), una molecola che influenza la rigidità delle cellule nervose.
Immagine gentilmente concessa da Laura Castaldi / EMBL

ESA: Il nuovo satellite orbitale su Marte

ESA Trace Gas Orbiter (TGO), uno sforzo congiunto tra l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l’Agenzia Spaziale Russa Roscosmos, è arrivato su Marte il 19 ottobre 2016. L’obiettivo principale di TGO è quello di fare un inventario dettagliato di gas rari che costituiscono meno dell’1% del volume dell’atmosfera, compreso il metano, vapore acqueo, biossido di azoto e acetilene. Di grande interesse è il metano, che sulla Terra viene prodotto principalmente da attività biologiche e in misura minore da processi geologici, come alcune reazioni idrotermali.  Il satellite orbitale servirà anche come un relè di dati per le future missioni lander.

Poco dopo il suo arrivo su Marte, TGO ha testato la sua suite di strumenti in orbita, facendo presagire il grande potenziale per le future osservazioni quando comincerà la sua missione scientifica principale nel 2018.

Durante il 2017, TGO userà sofisticate tecniche di frenata per abbassarsi progressivamente ad un’orbita circolare di 400 km intorno a Marte. Questa sarà la prima volta che l’ESA utilizzerà questa tecnologia per raggiungere l’orbita attorno ad un altro corpo nel nostro Sistema Solare.

Segui la missione ExoMars e alcune delle sue prime immagini.

ESA è la porta dell’Europa verso lo spazio, con sede a Parigi, Francia.

Marte primo piano
Immagine gentilmente concessa da ESA / Roscosmos / ExoMars / CaSSIS/ UniBE

ESO: un buco nero rotante che ingloba stelle e’ la spiegazione ad un evento superluminoso

Nel 2015, un punto straordinariamente brillante di luce visto in una galassia lontana è stato ritenuto essere la più brillante supernova mai vista. Soprannominato ASASSN-15lh, è stata classificata come una supernova superluminous – l’esplosione di una stella estremamente massiccia, alla fine della sua vita.

Ma nuove osservazioni da diversi osservatori, tra cui l’European Southern Observatory (ESO), ora hanno messo in dubbio questa classificazione. Infatti, un gruppo di astronomi propongono che la fonte sia un evento ancora più estremo e molto raro – un buco nero in rapida rotazione che ha lacerato una stella di passaggio che era troppo vicina. Noto come un evento improvviso di interruzione, esso è stato osservato finora solo circa 10 volte.

Nel processo, la stella era ‘spaghettizzata’, e gli shock nei detriti da collisione così come il calore ha portato a un’esplosione di luce, dando l’apparenza di una supernova molto luminosa.

Leggi il comunicato stampa completo qui.

L’ESO è il più produttivo osservatorio astronomico terrestre al mondo, con sede a Garching, vicino Monaco, in Germania, ed i suoi telescopi in Cile.

Primo piano di una stella in prossimità di un buco nero supermassiccio (artistica)
Immagine gentilmente concessa da ESO, ESA / Hubble, M Kornmesser

ESRF: Gli scienziati scoprono come i cetrioli di mare cambiano forma

I cetrioli di mare possono rapidamente cambiare la rigidità dei loro corpi, e gli scienziati della Queen Mary University di Londra, Regno Unito, hanno scoperto come lo fanno utilizzando i dati raccolti presso l’European Synchrotron Radiation Facility (ESRF).

Tutti gli animali hanno il collagene, ma un gruppo di invertebrati marini – gli echinodermi, che includono stelle marine e cetrioli – hanno sviluppato tessuti di collagene con una proprietà unica: possono cambiare rapidamente la loro rigidità. Questo tipo di collagene è noto come tessuto collageno mutabile ed è controllato dal sistema nervoso. È utile quando, per esempio, gli animali devono ‘trasformarsi in gelatina’ in modo da poter evitare i predatori. Tuttavia, i meccanismi attraverso i quali il cetriolo di mare può cambiare la sua rigidità non erano noti fino ad ora.

Gli scienziati hanno analizzato la parete del corpo dei cetrioli di mare a ESRF. La squadra ha utilizzato la tecnica di time-resolved synchrotron small-angle X-ray diffraction combinato con prova di trazione in situ effettuata a high-brilliance beamline ID02. La ricerca può fornire una base utile per lo sviluppo di nuovi biomateriali per applicazioni nel campo della medicina.

Per maggiori dettagli, leggere il comunicato stampa completo sul sito ESRF.

Leggi di più nell’articolo riguardante la ricerca;

Mo J et al. (2016) Interfibrillar stiffening of echinoderm mutable collagenous tissue demonstrated at the nanoscale. Proceedings of the National Academy of Sciences of the USA 113(42): E6362–E6371. doi: 10.1073/pnas.1609341113

A Grenoble, Francia, ESRF gestisce la più potente sorgente di radiazione di sincrotrone in Europa.

Un cetriolo di mare
Immagine gentilmente concessa da Maxim Gavrilyuk

EUROfusion: una vacanza meritata per JET

Dispositivo di punta di EUROfusion, Joint European Torus (JET), è andato in una meritata vacanza, a partire dal 15 novembre 2016, dopo aver terminato uno dei set di maggior successo di esperimenti nella sua storia.

A Culham, Regno Unito, JET è un dispositivo di fusione noto come un tokamak, ed è attualmente l’unico dispositivo in grado di utilizzare combustibili che verranno utilizzati in futuri impianti di fusione. Questi combustibili sono isotopi di idrogeno chiamati deuterio e trizio.

Il recente successo del JET dimostra che è pronto a gestire gli esperimenti con i combustibili di fusione ‘reali’. Ma forse cosa ancora più importante, vuol dire che JET ha posto solide basi per ITER. ITER è il più grande esperimento di fusione del mondo, che è in costruzione a Cadarache, in Francia. Quando sarà completato, ITER dovrà essere in grado di dimostrare che é possibile ottenere energia da fusione. Una volta realizzato, l’energia da fusione ha il potenziale per soddisfare le nostre crescenti esigenze di energia, fornendo energia sostenibile, senza anidride carbonica.

Mentre JET può permettersi una breve vacanza, i ricercatori e gli ingegneri certamente no. Sono occupati con l’aggiornamento del dispositivo in modo che sia pronto per iniziare la prossima serie di esperimenti entro la fine dell’anno.

Per saperne di più:

Leggi il comunicato stampa completo sul sito EUROfusion.

Leggi di più sul recente successo sperimentale di JET.

EUROfusion comprende 28 stati membri Europei, nonché la Svizzera e gestisce le attività di ricerca sulla fusione a nome di Euratom. L’obiettivo è quello di realizzare la fusione di energia elettrica entro il 2050.

Una vista interna del JET con una parete metallica completa ‘ITER-like’ di berillio e tungsteno
Immagine per gentile concessione di EUROfusion

XFEL Europeo: combinazione di strumenti di ultima generazione

Quando i primi utenti andranno all’European X-ray Free Electron Laser (European XFEL) questa estate, lavoreranno in uno dei due strumenti scientifici all’avangardia offerti dalla struttura nella fase iniziale. Questi strumenti, chiamati FXE e SPB / SFX, sono attualmente in fase di montaggio nella sala sotterranea da esperimenti.

Al termine, gli strumenti saranno in grado di utilizzare 27 000 European XFEL raggi X al secondol per eseguire studi senza precedenti della materia. FXE, per esempio, verrà usato per osservare processi ultraveloci e reazioni su scala molecolare, come il movimento degli atomi e il riarrangiamento di nuvole a carica elettronica all’interno di una molecola che sta subendo una trasformazione chimica. SPB / SFX determinerà la struttura delle biomolecole, cluster atomici, virus e altro ancora. Potrebbe anche aiutare gli scienziati ad avvicinarsi a ciò che è noto come il ‘Santo Graal’ della biologia strutturale: poter determinare la struttura delle molecole senza prima disporle in forme cristalline.

Gli scienziati si aspettano che i risultati di questi strumenti porteranno a una migliore comprensione di molti processi, consentendo lo sviluppo di farmaci migliori e potenzialmente portando a metodi più efficienti di cattura e immagazzinamento energetico. Quattro altri strumenti saranno disponibili per gli utenti entro il 2018, appena la configurazione iniziale di European XFEL sarà completata.

European XFEL è una struttura di ricerca attualmente in costruzione nella zona di Amburgo in Germania. I suoi intensi raggi-X saranno utilizzati da ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Installazioni nello strumento FXE nel novembre 2016
Immagine per gentile concessione di European XFEL

ILL: celebrazione del cinquantesimo compleanno

L’Institut Laue-Langevin (ILL) è stato fondato 50 anni fa, il 19 gennaio 1967, con la firma di un accordo tra la Francia e la Germania. Ciò che è iniziato sotto l’impulso della riconciliazione franco-tedesca è ora un esempio brillante della cooperazione internazionale: oggi l’ILL ha 13 Stati membri e molti altri paesi provenienti da tutto il mondo partecipano al suo programma di ricerca.

ILL deve molto del suo duraturo successo alla capacità di adattarsi rapidamente ad un ambiente di ricerca in continua evoluzione. Aggiornando e sviluppando costantemente le sue strutture, ILL garantisce di restare all’avanguardia. Infatti, nonostante la crescente complessità del funzionamento di una centrale nucleare e delle sempre più severe richieste delle autorità di sicurezza, ILL continuerà a stabilire le norme per le future fonti di neutroni.

ILL è un centro di ricerca internazionale all’avanguardia sulla scienza e tecnologia dei neutroni.

ILL ha celebrato il suo 50° anniversario in presenza del segretario di Stato francese per l’istruzione superiore e la ricerca, l’ambasciatore tedesco in Francia, l’ambasciatore britannico in Francia e molte altre personalità di spicco.
Immagine per gentile concessione di ILL

EIROforum

EIROforum unisce le risorse, le strutture e le competenze delle organizzazioni associate a sostenere la scienza europea nel raggiungere il suo pieno potenziale.

Per ulteriori informazioni, vedere anche l’elenco degli articoli EIROforum relativi a Science in School o consultare gli altri articoli di notizie EIRO.

Download

Download this article as a PDF

Institution

EMBL, EIROforum, CERN, EUROfusion, ESA, ESO, ESRF, European XFEL, ILL

License

CC-BY