Instaurare connessioni: una conversazione online con gli scienziati di EIROforum Teach article

Tradotto da: Cristina Benedetti. Connetti la tua classe con gli scienziati di tutta Europa tramite una conversazione in videoconferenza e scopri come è la vita di un ricercatore scientifico.

I tuoi studenti si lamentano mai della discrepanza tra materie scolastiche e vita reale? E ti chiedi cosa possono fare gli insegnanti di scienze per dimostrare che la scienza non è solo leggi e teorie? Avendo questi pensieri ricorrenti, due anni fa, mentre leggevo la sezione notizie di EIROforum su Science in School, ho avuto l’ispirazione di iniziare un nuovo progetto scolastico con l’obiettivo di collegare la scienza a scuola con la scienza nella pratica.

La mia idea era quella di organizzare videoconferenze affinché i miei studenti interagissero con gli scienziati sul campo e conoscessero la ricerca in corso, senza nemmeno uscire dalla classe. Ho scelto di collaborare con scienziati che lavorano nelle organizzazioni intergovernative di EIROforumw1, che si occupano di ricerca in diverse discipline scientifiche, dalla fisica fondamentale presso il CERN, alle scienze della vita presso il laboratorio europeo di biologia molecolare (European Molecular Biology Laboratory, EMBL) e le scienze dello spazio presso l’Agenzia spaziale europea (European Space Agency, ESA).

Dopo aver completato con successo il progetto con i miei studenti nell’anno scolastico 2017-2018, sono lieto di condividere alcune linee guida che rappresentano i passi principali che abbiamo intrapreso, nella speranza di ispirare altri insegnanti ad avviare un progetto simile nelle loro scuole. Ho cominciato a pensare al progetto durante l’anno accademico precedente, in modo da essere pronto per iniziarlo con i miei studenti a settembre.
 

Suggested timeline for organising the project
Schema temporale suggerito per l’organizzazione del progetto
Nicola Graf

1. Scegli gli studenti

Seleziona una particolare classe o fascia d’età per il progetto. Gli scienziati forniscono preziose informazioni sulle carriere scientifiche, quindi il progetto è particolarmente utile per gli studenti più grandi.

Ho realizzato il progetto con studenti di 17 anni presso la scuola superiore di Parga, nella Grecia occidentale. Gli studenti stavano seguendo un piano di studi scientifico ed erano abbastanza avanzati nei loro studi da riuscire a identificare i legami tra le materie scolastiche e la scienza condotta nelle diverse organizzazioni.

2. Seleziona alcune organizzazioni scientifiche

Scegli 6-8 organizzazioni con cui potenzialmente collaborare. Fornisci ai tuoi studenti un semplice foglio di lavoro per vedere quanto i tuoi studenti conoscono già di queste organizzazioni.

Poiché questo progetto è stato ispirato dalle notizie di EIROforum, ho utilizzato le organizzazioni di EIROforum come punto di partenza. Tuttavia, potresti trovare altre organizzazioni di interesse tuo e dei tuoi studenti, in Europa o in particolare nel tuo paese.

Per valutare la loro conoscenza delle diverse organizzazioni prima di iniziare il progetto, gli studenti hanno completato un foglio di lavorow2 per delineare tutto quello che già conoscevano, come ad esempio dove si trova ciascuno degli istituti e quali sono i loro principali obiettivi di ricerca. Ho tenuto le risposte in modo da fare un confronto alla fine del progetto.

3. Raccogli informazioni sulle organizzazioni scientifiche

Completed worksheet (in Greek) recording one student’s knowledge of the EIROforum organisations before the project
Foglio di lavoro completato (in greco) che documenta
la conoscenza di uno studente sulle organizzazioni
di EIROforum prima del progetto

Sevasti Malamou
 

Dividi la tua classe in gruppi di 2-3 studenti. Chiedi a ciascun gruppo di condurre alcune ricerche di base su una delle organizzazioni scientifiche e di presentare le informazioni chiave al resto della classe.

Ho assegnato a ciascun gruppo un’organizzazione diversa (dal punto 2) in modo che tutte le organizzazioni venissero analizzate. Abbiamo assegnato quattro lezioni di fisica (cioè 4 ore) per un periodo di 2 mesi affinché gli studenti lavorassero alle loro presentazioni. Ogni ulteriore lavoro è stato completato a casa.

Le domande che gli studenti hanno preso in considerazione includevano:

  • Qual è il nome completo dell’organizzazione di ricerca?

  • Dove si trova l’organizzazione?

  • Di quale area scientifica si occupa l’organizzazione?

  • Quanti scienziati o impiegati lavorano nell’organizzazione?

  • Qual è un esempio di un recente lavoro scientifico pubblicato dall’organizzazione?

  • Quali sono i loro programmi di ricerca futuri?

Gli studenti di ciascun gruppo hanno presentato le loro ricerche alla classe sotto forma di presentazione orale. Dopo la presentazione, gli altri studenti hanno posto domande al gruppo sull’istituto. I miei studenti hanno caricato le loro ricerche su una bacheca online chiamata Padlet, in modo che il resto della classe potesse vederle.

4. Trova gli scienziati

Scegli un elenco finale di 4-5 organizzazioni con cui lavorare. Contatta ciascuna organizzazione e invita gli scienziati a partecipare a una videoconferenza con i tuoi studenti.

Abbiamo creato la lista sulla base delle presentazioni degli studenti e delle loro reazioni alle organizzazioni. I miei studenti erano entusiasti di poter parlare con il CERN, l’EMBL, l’ESA e l’Osservatorio europeo australe (European Southern Observatory, ESO), quindi ho contattato queste organizzazioni per spiegare lo scopo del progetto e descrivere ciò che gli scienziati avrebbero dovuto fare. Abbiamo anche scelto di rivolgerci in particolare agli scienziati greci. Questo per due motivi: primo, in modo che i nostri studenti potessero parlare più liberamente con gli scienziati senza barriere linguistiche; in secondo luogo, perché ciò ha dimostrato agli studenti che la scienza opera senza confini: gli scienziati, anche di piccoli paesi, possono lavorare nei centri di ricerca in Europa e oltre.

Dopo aver inviato e-mail a queste quattro organizzazioni, tre di loro mi hanno messo in contatto con scienziati greci: un astrofisico dell’ESO, un genetista dell’EMBL e un ingegnere spaziale dell’ESA. Abbiamo organizzato la partecipazione di questi tre scienziati al progetto. Gli scienziati erano desiderosi di diffondere la scienza nel loro paese d’origine ed erano particolarmente felici di lavorare con gli studenti.
 

ESO astrophysicist, Evanthia Hatziminaoglou
Astrofisico dell’ESO, Evanthia
Hatziminaoglou
EMBL geneticist, Panagiotis Mantas
Genetista dell’EMBL, Panagiotis
Mantas
Pantelis Poulakis, an ExoMars rover engineer at ESA.
Ingegnere dell’ESA, Pantelis Poulakis
S Ferreté Aymerich / ESA

5. Organizza un meeting iniziale

Organizza una videoconferenza iniziale per incontrare i singoli scienziati e discutere la logistica della conferenza con l’intera classe.

Non appena uno scienziato ha accettato di partecipare alla nostra teleconferenza con l’intera classe, ho organizzato una videoconferenza individuale (via Skype) per discutere gli ulteriori dettagli. Durante la chiamata, abbiamo concordato una data e un orario adeguati per tenere la conferenza con tutta la classe. Abbiamo organizzato una videoconferenza al mese a febbraio, marzo e maggio con l’ESO, l’EMBL e l’ESA, rispettivamente. Abbiamo riscontrato che questo è un programma adatto, che offre agli studenti il tempo necessario per prepararsi e successivamente valutare ogni sessione.

Abbiamo anche concordato lo stile della loro videoconferenza. Ad esempio, l’incontro poteva essere una semplice conversazione tra studenti e scienziato, oppure poteva essere più formale, con lo scienziato che fa una breve presentazione (ad es. sulla sua organizzazione, il suo ruolo, i suoi studi accademici e la ricerca in corso) prima di aprire una sessione per le domande.

6. Prepara le domande per gli scienziati

Prima di ogni videoconferenza, chiedi ai tuoi studenti di scrivere le domande che vorrebbero porre ad ogni scienziato.

Agli studenti potrebbe piacere sapere come lo scienziato ha iniziato a lavorare in quell’organizzazione, in cosa consiste il suo lavoro quotidiano o in quale area scientifica sta attualmente facendo ricerca. I nostri studenti hanno superato le nostre aspettative ponendo molte domande interessanti, ad esempio:

  • Quali sono gli studi necessari per diventare ricercatore presso l’EMBL?

  • Com’è lavorare in un laboratorio di biologia?

  • Hai sempre desiderato diventare un astrofisico?

  • Qual è stato il tuo percorso professionale dall’università al tuo istituto?

  • Perché l’ESA sta lavorando intensamente per riuscire ad esplorare Marte?

  • Come bilanci la vita familiare e gli impegnativi orari di laboratorio?

  • Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di lavorare con persone provenienti da tutta Europa o dal mondo intero?

Per le videoconferenze, abbiamo scelto di lasciare le conversazioni aperte a tutti gli studenti, in modo che tutti potessero porre domande con l’evolversi delle discussioni. Tuttavia, potresti lavorare con gli studenti per creare un elenco di domande finali per ogni videoconferenza e assegnare le domande a studenti nominati per porle durante la conferenza.

7. Conduci le videoconferenze

Realizza la videoconferenza in classe, nella sala riunioni della scuola, nel laboratorio di informatica o nel laboratorio di scienze. L’evoluzione della conversazione è nelle mani tue e dei tuoi studenti!

Tutto ciò che serve è un computer con installato il software corretto (come Skype), una buona connessione a Internet, un proiettore e degli altoparlanti. In media, le nostre videoconferenze sono durate circa 90 minuti. Siamo rimasti molto soddisfatti di quanto gli studenti hanno appreso sulle diverse organizzazioni scientifiche e sulla ricerca degli scienziati. Parlare faccia a faccia (anche se via Internet) con uno scienziato “reale” è stata un’esperienza preziosa per tutti loro e gli scienziati sono stati molto disponibili nel rispondere alle domande e fornire consigli sulla carriera.

Non dimenticare di ringraziare gli scienziati per aver partecipato al progetto ricontattandoli dopo la videoconferenza. Perché non rimanere in contatto con loro per un progetto futuro, se sono felici di farlo?

 

Students in the classroom talking to Evanthia Hatziminaoglou, a Greek astrophysicist calling from ESO in Germany
Studenti in classe che parlano con Evanthia Hatziminaoglou, un’astrofisica greca dall’ESO in Germania
Sevasti Malamou

8. Valuta il progetto

Dopo ogni videoconferenza, chiedi agli studenti di dare il loro feedback e condividere le loro esperienze sulla conversazione con lo scienziato. Questo può essere fatto in piccoli gruppi o come discussione con l’intera classe.

Incoraggia gli studenti a dire ciò che li ha interessati di più e se c’è qualcosa che li ha sorpresi. Nel nostro progetto, molti studenti sono rimasti sorpresi da quanto fossero giovani gli scienziati, poiché avevano il preconcetto che gli scienziati di queste organizzazioni fossero più vecchi. Incontrare i diversi scienziati ha dato agli studenti una nuova prospettiva. Ricordo che uno studente ha detto: “Prima della conferenza, pensavo che gli scienziati lavorassero in laboratorio giorno e notte”. Gli studenti hanno subito capito che anche gli scienziati conducono una vita normale, incluso passare del tempo con la famiglia e ascoltare la musica.

Alla fine, ho chiesto ai miei studenti di compilare lo stesso foglio di lavoro del passaggio 2 e hanno confrontato le loro nuove risposte con le risposte all’inizio del progetto. Sono stati contenti di vedere le loro nuove conoscenze acquisite.

Prevediamo che gli studenti, indipendentemente dalle loro future carriere, ricorderanno questa esperienza unica nei loro studi scolastici. Speriamo che questo articolo fornisca una guida iniziale utile se sei interessato a realizzare un progetto simile nella tua scuola. Per ulteriori informazioni, non esitare a mandare una e-mail all’autrice.

Download

Download this article as a PDF

Web References

  • w1 – EIROforum è una collaborazione tra otto delle maggiori organizzazioni intergovernative di ricerca scientifica in Europa.
  • w2 – Il semplice foglio di lavoro utilizzato nel progetto è disponibile per il download dalla sezione sui materiali aggiuntivi di questo articolo.

Institution

EMBL, EIROforum, CERN, EUROfusion, ESA, ESO, ESRF, European XFEL, ILL

Author(s)

Sevasti Malamou è un’insegnante di fisica della scuola secondaria in Grecia. Insegna anche chimica, biologia e geografia e ama usare metodi innovativi per insegnare scienze. Sevasti ha conseguito una laurea specialistica in elettronica e telecomunicazioni e in istruzione secondaria.


Review

Questo articolo delinea un progetto interessante che consente agli studenti di conoscere le carriere scientifiche in diversi istituti di ricerca. L’articolo descrive le esperienze di un insegnante greco di scienze e fornisce un approccio strutturato e interattivo per un progetto che sarà più coinvolgente per gli studenti rispetto alla semplice lettura o visione di film sulle carriere. L’intera premessa del progetto è utile a livello internazionale, quindi avrebbe bisogno di pochissime modifiche per essere pertinente e applicabile a diversi paesi.


Marie Walsh, docente di scienze, Irlanda.




License

CC-BY