Il sito web del PhET Inspire article

Tradotto da Mirko Benedetti. Physics Education Technology (PhET per gli amici) è il titolo semplice ma non molto efficace di un sito web che offre un’ampia gamma di eccellenti simulazioni fisiche interattive per gli studenti delle scuole superiori e dell’università.

Realizzato dall’Università del Colorado, PhET non offre soltanto simulazioni nell’ambito della fisica pura, ma anche in quello della biologia, della farmacia e delle scienze della terra. C’è anche una categoria di simulazioni matematiche. Il fatto che il sito web sia americano non è un problema, anche dal punto di vista delle unità di misura, che appartengono al sistema metrico decimale.

Le simulazioni PhET sono state progettate in modo da poter essere facilmente tradotte. Di conseguenza, la maggior parte di esse è disponibile in una straordinaria varietà di lingue – dal tedesco, all’ebraico, al ceco, al vietnamita, fino al finlandese, al greco e al serbo. Tutte le simulazioni, inoltre, possono essere eseguite on line oppure scaricate sul pc.

PhET è una grande risorsa didattica ed è costantemente aggiornato (potete seguire gli sviluppi più recenti su Facebook e Twitter), per cui non lasciatevi scoraggiare dal fatto che il sito web sembra piuttosto datato ed è difficile da navigare. Controllare le novità può essere pericoloso, perché può succedere che, così facendo, trascorriate varie ore giocando… voglio dire compiendo esplorazioni. Nel momento in cui viene scritta questa recensione, gli esempi di simulazione nella sezione ‘nuove simulazioni’ del sito web includono ‘isotopi e massa atomica’, ‘stati della materia’, ‘canali di membrana’, ‘gravità e orbite’ e ‘costruisci una molecola’.

Dopo aver selezionato una simulazione, compaiono alcuni esempi di obiettivi di apprendimento, oltre a risorse didattiche scaricabili collegate alla simulazione in questione, come i fogli di lavoro per gli studenti. Queste risorse didattiche sono state predisposte da insegnati e quelle che ho visto sono di qualità molto elevata. Eccone quattro tra le mie preferite.

  • La simulazione ‘Stati della materia: fondamenti’, rivolta approssimativamente a studenti giunti al settimo anno di scuola (11-12enni), permette di indagare i tre stati fondamentali della materia, esaminando come l’aumento e la diminuzione della temperatura influenzano campioni di neon, argon, ossigeno e acqua a livello molecolare.
  • Gli studenti giunti al nono anno di scuola e oltre (13 anni e più) possono utilizzare la simulazione ‘Proprietà dei gas’ per studiare gli effetti di volume, pressione, temperatura e gravità su un gas, scoprendo come queste proprietà varino l’una in relazione con l’altra.
  • La simulazione ‘Il campo da hockey elettrico’, adatta a studenti al sesto anno di studi e oltre (10 anni e più) è un gioco più serio. Dovete provare a controllare il percorso di una particella carica (la ‘pallina’) attraverso uno spazio complesso in cui collocare un numero a piacere di particelle fisse di carica uguale o contraria. Potete determinare la carica e la posizione delle particelle fisse, la massa della pallina e il grado di difficoltà, scegliendo se mostrare o meno le linee del campo e la traiettoria della pallina.
  • Attraverso la simulazione ‘Laboratorio condensatori’, gli studenti al decimo anno di studi e oltre (14 anni e più) possono analizzare il funzionamento di un condensatore a placche parallele, modificando la distanza tra le placche, la loro superficie e il loro isolamento, così da esaminare la carica e il campo elettrico risultanti, come pure il voltaggio e l’energia accumulata, eseguendo ogni volta nuovi calcoli al variare del voltaggio applicato. Una versione più complessa di questo simulatore permette agli studenti di combinare due o tre condensatori in vari modi e di osservare gli effetti prodotti.

Dovete visitare questo sito se insegnate scienze e fisica, preferibilmente quando avete una o due ore di tempo in più. PhET è la miglior fonte di simulazioni fisiche interattive, gratuite ed efficaci, in cui mi sia imbattuto!

Dettagli

URL: http://phet.colorado.edu

 

Download

Download this article as a PDF



License

CC-BY-NC-ND